MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 24 dicembre 2013

    BOLLATE PER IL CORRIERE-TUTTI POSSIAMO CAMBIARE

    da qualche anno ho l’onore di avere a disposizione un’intera pagina sul Corriere della Sera a ferragosto e a Natale, per raccontare, in totale autonomia e libertà, questi due momenti dell’anno.

    nella ricorrenza del Natale finora ho cercato di mostrare come viene vissuto dagli emarginati, da quelli che sono lontani dallo stereotipo pubblicitario/televisivo del caminetto/neve/famiglia/coccole: l’anno scorso ho fotografato chi dorme e vive in strada, mentre due anni fa ho mostrato la persona che c’è dentro al personaggio di Babbo Natale.

    quest’anno ho pensato di raccontare come viene vissuto il Natale in carcere.

    sono andato, insieme a Fabio, nel carcere di Bollate, dove il gentilissimo Roberto (responsabile del settore educativo) ci ha accompagnato facendoci girare senza alcuna limitazione. ho scoperto che TUTTI i pregiudizi e preconcetti (nati da film/libri/televisione…) sono completamente falsi. ho trovato un ambiente sicuramente non allegro, ma incredibilmente pieno di umanità, gentilezza, rispetto.

    è stata una giornata straordinaria. bellissima. commuovente. emozionante. ho conosciuto un ragazzo che faceva l’assistente fotografo di fotografi importanti (e al quale ho dato tutti i miei contatti, dicendo di chiamarmi quando esce), ho mangiato il panettone nella cella di Lella, ho chiacchierato, ho riso.

    forse però meglio far parlare le immagini, iniziando dalla mia preferita:

    FRANCESCO_S

    Francesco

     

    ALESSANDRO_M

    Alessandro

     

    ANTONELLA_C

    Antonella

     

    ANTONIO_B

    Antonio

     

    CARLO_H

    Carlo

    DS_DL_RS

    Rocco, Domenico e D.

     

    GIANNI_B

    Gianni

     

    GIUSEPPE_F

    Giuseppe

    LELLA_V

    Lella

     

    PLACIDO_A

    Placido

     

    ROBERTO_B

    Roberto

    questo il testo che Fabio mi ha voluto regalare:

    Tutti possiamo cambiare”. Lo dice Roberto Bezzi, il responsabile dell’area educativa del carcere di Bollate. E se ci crede lui, forse riuscirà a farlo credere ai 1200 ‘utenti’ (è così che lui li chiama) della struttura. Nella drammatica situazione carceraria italiana, l’esempio di Bollate è un caso a sé. Sono tutti detenuti con condanne definitive che hanno richiesto specificatamente di essere lì per la speciale atmosfera di questa casa di reclusione in cui è legittimo, come dal 1975 impone il regolamento penitenziario, chiamare le celle: camere di pernottamento. Infatti il personale è ridotto al minimo, 400 agenti su tre turni, e si respira un senso di collaborazione che cancella tutti i cupi stereotipi che associamo all’universo carcerario. “I buoni lo sognano i cattivi lo fanno” è un libro di Robert Simon in cui il celebre psichiatra affronta il tema del crimine come potenziale cortocircuito latente in ciascuno di noi, e basterebbe questa consapevolezza per specchiarci con indulgenza negli occhi degli uomini e delle donne che abbiamo incrociato in questo luogo. Ma aggiungo che il senso di solidarietà percepito tra queste persone è certamente maggiore di quello che mediamente si osserva nelle riunioni condominiali di noi cosiddetti uomini liberi. Natale celebra una nascita, e la religione che lo celebra crede nella rinascita. Tutti possiamo sbagliare, ed è giusto che ciò comporti l’espiazione della pena, ma alla privazione della libertà non deve corrispondere la privazione della dignità. Buon Natale a tutti. Fabio Novembre

    questa la pagina del giornale:

    corriere

    e qualche immagine del backstage:

    backstage_02

     

    nella cucina con Lella: voleva farmi assaggiare la parmigiana di melanzane, che aveva un aspetto meraviglioso. ma era ancora da infornare… 🙁

     

    backstge

    nella cella di Giuseppe: ordinatissima e pulitissima. Giuseppe deve scontare l’ergastolo.

     

    CZ8Q7675

    Fabio, che quando serve c’è sempre.

    CZ8Q7447

    il gentilissimo e bravissimo Roberto, direttore della sezione educativa, che ci ha accompagnati in questa esperienza.

    CZ8Q7355

    CZ8Q7466

    CZ8Q7538

     

    alcuni dettagli del carcere di Bollate. se mai vi dovesse capitare (temo possa capitare a tutti) vi consiglio di chiedere di essere portati in questa struttura: dite che vi mando io… 😉

    Buon Natale a tutti.

     

     

    Tag:

    1. andrea::tognoli ha detto:

      Buon Natale.

    2. diego ha detto:

      Bello, grazie!

      Buon Natale a Te ed anche a Loro 🙂
      ciao
      diego

    3. Monica ha detto:

      Uno dei pregiudizi più forti del pensare ai detenuti credo sia quello di immaginarseli come “delinquenti dalle facce brutte e cattive”, (quelli che riconosci subito, come te li presentano solitamente nei film), che hanno sbagliato, non cambieranno mai e quindi devono pagarla anche attraverso la privazione della dignità. Guardando queste immagini traspare il lato umano di queste persone, sembrano ritratte tra le mura di casa, di certo se non si leggesse il testo e non ci fossero le foto in cui hai ripreso le sbarre, sfido chiunque a capire che siano state fatte in carcere. Questo dimostra che ognuno di noi potrebbe essere quell’uomo o quella donna ritratti, persone dal viso tranquillo, apparentemente sereno, che hanno sbagliato ma non per questo valgono meno di chi è aldiquà delle sbarre.
      Un gran bel progetto!
      Buon Natale!

    4. Eugenio ha detto:

      Beh, almeno a Natale è buono anche Settimio…
      Complimenti sinceri!

    5. Bellissimo reportage, Settimio, molto intenso.

    6. Matteo Oriani ha detto:

      Non c’è bisogno di andare alle maldive-caraibi-seychelles per avere una buona luce. Che bella luce li dentro. Bravo. Buon Natale a tutti.

    7. enrica artaria ha detto:

      grazie SETTIMIO molto bello auguri di cuore a te

    8. vilma ha detto:

      il buonismo di natale ha colpito ancora!
      non è tutto un po’ banale?
      un assistente fotografo che si è guadagnato, solo per il fatto di essere in carcere si presume meritatamente, una possibilità di lavoro inaccessibile a tanti giovani assistenti fotografi che non la trovano e non delinquono, un ordinatissimo Giuseppe con un ergastolo comminato in via definitiva che, ordine a parte, qualcosa di brutto deve pur averlo fatto, Lella che fa la parmigiana e che probabilmente ha fatto anche altro…..
      che dire? non sarebbe stato più originale un servizio sul natale dei truffati, degli offesi, dei parenti degli uccisi……. che stanno fuori e che magari stanno peggio di chi sta dentro?

    9. roberto ha detto:

      i miei più sentiti complimenti ..
      roberto

    10. Alberto ha detto:

      Il tempo di migliorarsi nella vita lo abbiamo tutti, questo passo, come peraltro moltissimi altri possono essere fatti con una semplicità e una facilità mostruosa. Troppo spesso, faccio auto accusa, ci nascondiamo dietro al “non ho tempo per…”!!
      Bel servizio.
      Questo è quello che tu definisci un “progetto”, immagino.
      Grazie delle belle foto.

    Lascia il tuo commento