MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 19 ottobre 2015

    INCONTRI FOTOGRAFICI BY SETTIMIO BENEDUSI

    L’idea è semplice: una giornata in studio da me a Milano a fotografare una modella.

    Fino a qui non sembra una cosa molto originale. In effetti.

    Una giornata in studio da me a Milano a fotografare una modella in pellicola. Già meglio.

    Il giorno dopo poi si va in camera oscura a sviluppare e stampare, provando la magia (magari per la prima volta) di vedere l’immagine che lentamente emerge dalla bacinella dello sviluppo, alla debole luce della lampadina rossa. Meglio ancora, no?

    Mi sembra una cosa interessante e divertente. Sicuramente diversa non solo dai soliti Workshop che ci sono in giro ma anche dai miei Workshop, che, come si sa, sono un po’ (un po’ tanto…) lacrime e sangue: in questo caso, almeno nelle mie intenzioni no, la vedo una cosa più leggera, più ludica, più piacevole. Il piacere di stare insieme e condividere lo stesso piacere di fotografare: infatti ho pensato di chiamare la cosa INCONTRI FOTOGRAFICI.

    Lo so che lo sto dicendo molto, moltissimo, in ritardo: pensavo di fare il primo degli IF il prossimo week-end, in occasione del Photoshow.

    Quindi: domenica 25 ottobre 2015 da me in studio con modella, lunedì 26 in camera oscura da Jacopo, tutte le spese comprese, pure i due pranzi, una stampa 24×30 (vera stampa fotografica!!!) da portare a casa, macchine fotografiche analogiche da usare (se non avete le vostre), il tutto per 500 euro iva compresa. Se volete partecipare scrivete una bella mail a if@benedusi.it

    Che senso ha tutto questo? Non lo so bene, mi è venuto in mente di farlo, e quando una cosa mi viene in mente la devo fare! O forse il desiderio di condividere il piacere, fisico e antico, di inserire una pellicola in una Rolleiflex degli anni ’50, scattare con lentezza, sviluppare con ancora maggiore lentezza per avere in mano una bellissima stampa chimica: è un vero godere.

    Io non sono un feticista delle macchine e delle tecniche analogiche. Non penso che la pellicola sia meglio o peggio del digitale: e solo un’altra cosa.

    La voglia di tutto ciò mi è venuta quando, poche settimane fa, ho realizzato questa immagine, con pellicola scaduta da 10 anni e la Rolleiflex di mio padre. Una magia che vorrei anche altri possano provare!

    image

    1. Gordon ha detto:

      Ciao Settimio,
      l’idea mi sembra davvero stupenda e sicuramente diversa dai “soliti” worshops.. Quindi intanto. molti complimenti da parte mia.
      Devo dire che purtroppo per quanto vorrei molto, dubito di poter partecipare per svariati motivi tra i quali almeno uno fotografico c’è: odio fotografare le persone, odio che ci sia presenza umana nelle mie fotografie, e farei certamente un disastro storico fotografando per la prima volta una modella 😀
      Detto tutto questo, pranzosviluppostampachiacchierataconte vale la sicurezza della figuraccia.. magari al prox IF..
      Un abbraccio.

    2. Palmiro ha detto:

      Mi presento … sono un amante “amatoriale” …. della fotografia,
      mi piace molto leggere …. sentire.. seguire…. la Fotografia ….
      l’idea di fotografare un “sasso ” era spettacolare ….
      pero’ ….. tutto entusiasta leggo …. INCONTRI FOTOGRAFICI
      Uauuuuu occasione unica…..
      continuo a leggere…..
      belle cose di qua belle cose di la ….. e alla fine
      il tutto per 500 euro iva compresa

      come sempre la ” fotografia ” viene ristretta
      ad un piccolo ristretto gruppo di persone …

    3. ugo ha detto:

      è il prezzo da pagare se si vuol imparare da chi sa

    4. marco ha detto:

      sIg Benedusi, mi piace molto il so approccio alla fotografia, il suo modo di porsi e i suoi lavori, credo che i prodoti di qualità vadano pagati..è giusto dare valore alla professionalità, però è un dato di fatto :di questi tempi chi puo’ permettersi di spendere 500€ per due giorni di workshopp sono solo pochi fortunati.
      In estrema sintesi.. verrei volentieri al suo incontro, purtroppo non posso permettermelo. glieo faccio notare perchè in molti sono nelle mie condizioni, moltissimi. Forse varrebbe l a pensa di pensare ,in futuro, a qualcosa low cost… per coinvolgere più persone.
      🙂

    5. Marco ha detto:

      …solo 500 Euro?…però un prezzo abbordabile, alla portata di tutti…
      Marco

    6. christian ha detto:

      L’esperienza si paga in qualunque contesto, se fai il fotografo di mestiere hai spese ecc.
      Presumibilmente dovrà stare dentro certi costi per avere qualche guadagno , se compri un automobile full optional della Mercedes la paghi un tot , se compri una panda senza servosterzo i prezzi cambiano ma cambia anche l ‘auto.
      Stesso discorso in questo caso, la situazione economica attuale non l’ha decisa nessuno

    7. christian ha detto:

      Quanti di voi si svenderebbero per non guadagnare niente?

    8. Daniela ha detto:

      Sono anni che propongo questa cosa, non interessa a nessuno; l’ultima volta ieri l’altro, ( per coincidenza il 19 del mese!) e, rispondendo a Christian, senza guadagnare, solo un contributo spese, svendendo il mio lavoro, per il piacere della condivisione e del far conoscere un modo che per una che non ha mai smesso non ha niente di straordinario, è solo diverso, come dice Settimio Benedusi.
      Mi permetto di scriverlo qui, nel tuo blog, Settimio, per dirti che questa cosa straordinaria della pellicola e della camera oscura puoi farla tu ed avrai tanto ma tanto seguito, ma a noi sfigati fotografi del nulla non ci fila nessuno!! Se vuoi venire tu da me il 19 saremo in due. Cari saluti conditi con un pò di sana invidia e tanto sorriso! 🙂
      daniela

    9. christian ha detto:

      é sempre sbagliato svendersi , che sia benedusi o altri fotografi non conosciuti .
      Tutti questi discorsi solo perchè benedusi ha un nome conosciuto punto , magari un Benedusi con 20 anni e passa ha più esperienza di un Benedusi con 10 anni di esperienza ergo uno prende 500 l’altro 200 .
      Riguardo alla battuta del 19 bhè , si sarete in due (spero di sbagliarmi per voi chiaramente 🙂 )

    10. christian ha detto:

      Mi scuso per l’errore i nomi propri con le maiuscole 🙂

    Lascia il tuo commento